• Mensa Accorretti
    Mensa Accorretti
  • Conversando con gli autori
    Conversando con gli autori

    Beppino Englaro

  • Attività culturali
    Attività culturali

    Giugno in Arte 2009

  • Camera Residenza Affede
    Camera Residenza Affede
  • Cucina residenza Mortati
    Cucina residenza Mortati

    Polo Mortati - Palazzina C

  • Studenti
    Studenti

    Mensa Accorretti

  • Bus navetta
    Bus navetta

    Servizio Trasporto

  • Residenza Affede
    Residenza Affede
  • Residenza Sibillini
    Residenza Sibillini
Interventi e benefici agli studenti Ristorazione Alloggi
Altri servizi Domanda online Città e territorio

Albo Fornitori

E' stato adottato con determina del Direttore n. 631 del 09.12.2013 l'Albo Fornitori per l'affidamento in economia di beni e servizi.

Consultare la sezione "bandi di gara".

 Avviso consegna CUD

 L'ERSU rilascia il cud 2014 relativo all'anno 2013 agli studenti vincitori di borsa di studio per gli anni 2012/2013 e 2013/2014, pertanto gli stessi sono tenuti a ritirarli presso lo sportello dell' Area Servizi agli studenti.

                      


Domanda Servizio Ristorazione a.a. 2014/2015

Si ricorda che lo studente che ha presentato domanda di qualsiasi beneficio o servizio nell’a.a. 2013/2014 è dispensato dal presentare nuova domanda per il solo accesso a mensa in quanto la possibilità di utilizzare il servizio a pagamento viene mantenuta dietro verifica della regolare iscrizione per l’a.a. 2014/2015. Per maggiori informazioni consultare la sezione "Ristorazione".

Premi per Tesi di laurea.
L’E.r.s.u. di Macerata ha bandito un concorso per l’attribuzione di due Premi per le migliori tesi di laurea in materia di diritto allo studio universitario.

Leggi tutto

Alloggio a pagamento a.a. 2014/2015

E' possibile fare richiesta di posto alloggio a pagamento dopo la scadenza della domanda.

Vai alla pagina

Servizio trasporto studenti

DSCN6272

In occasione delle prossime festività natalizie, il servizio trasporto studenti verrà svolto fino a martedì 23 Dicembre (compreso), per poi riprendere mercoledì 7 Gennaio 2015, con i seguenti orari e percorsi. 

leggi tutto

Sportello informativo

 

 L'orario di apertura dello sportello informativo è il seguente:

DAL LUNEDI' AL VENERDI' MATTINO DALLE ORE 9,00 ALLE ORE 13,00

Graduatorie

Sono state pubblicate le graduatorie relative all'integrazione della Borsa di Studio a.a. 2013/2014 per studenti partecipanti nello stesso anno accademico a programmi di Mobilità Internazionale.

Accertamenti sulle dichiarazioni rese dagli studenti per l’a.a. 2014/2015

Come previsto dalla normativa vigente dovranno essere controllate le dichiarazioni rese dagli studenti ai fini della richiesta della Borsa di studio per l’a.a. 2014/2015.

leggi tutto

Con Determinazione del Direttore n. 72 del 20/01/2015 è stata disposta l'integrazione della Borsa di Studio a.a. 2014/2015 in favore degli studenti vincitori che con le graduatorie definitive avevano avuto la quota in denaro annullata rispetto a quella di diritto. 

leggi tutto

23January Integrazione quota in denaro Borsa di Studio a.a. 2014/2015

Con Determinazione del Direttore n. 72 del 20/01/2015 è stata disposta l'integrazione della Borsa di Studio a.a. 2014/2015 in favore degli studenti vincitori che con le graduatorie definitive avevano avuto la quota in denaro annullata rispetto a quella di diritto. 

leggi tutto

Leggi tutto:
 
13January Mobilità Internazionale a.a. 2013/2014

Graduatorie

Sono state pubblicate le graduatorie relative all'integrazione della Borsa di Studio a.a. 2013/2014 per studenti partecipanti nello stesso anno accademico a programmi di Mobilità Internazionale.

 
08October Servizio trasporto a.a. 2014/2015

Servizio trasporto studenti

DSCN6272

In occasione delle prossime festività natalizie, il servizio trasporto studenti verrà svolto fino a martedì 23 Dicembre (compreso), per poi riprendere mercoledì 7 Gennaio 2015, con i seguenti orari e percorsi. 

leggi tutto

 


cud2014

menu del giorno

Macerata Digitale

Indice di Gradimento

01

               Guarda il risultato

Notizie dal mondo

MySyndicaat Feedbot: monrifnet_-all-global

  • Luca Pasquaretta Parma CONTINUA l'assalto alla decima della banda di Allegri, che ieri sera ha espugnato il Tardini. Ma che sofferenza. Insomma Juve in semifinale di Coppa Italia, un trofeo che manca da 20 anni in casa bianconera. Sfiderà la vincente di Roma-Fiorentina. Niente colpo di teatro. Davide non è riuscito a battere Golia. C'è mancato poco. Ha risolto tutto Morata a pochi secondi dalla fine. C'era il pronostico, il divario in classifica in campionato alquanto imbarazzante (40 punti), i problemi economici dei ducali, l'addio di Cassano, il divario tecnico, la feroce contestazione del pubblico casalingo. Poi c'è stato il campo, il bello del calcio. Il Parma ci ha messo orgoglio, voglia, determinazione, se l'è giocata a viso aperto senza paura, tenendo testa ai campioni d'Italia. Donadoni aveva scelto un 3-5-2 accorto, ma tosto. Allegri aveva risposto con il 4-3-3 di Coppa Italia, quello già sperimentato contro il Verona. Si aspettava più fame il tecnico livornese nel primo tempo, un atteggiamento più feroce, che potesse esaltare la maggiore qualità. Invece non è successo nulla di eclatante. Tanta noia, poche emozioni. Le uniche sono state create da Palladino, Galloppa e Nocerino. Mirante invece è stato a guardare fino al tiro-cross di Pepe che ha colpito il palo nel recupero. Prima dell'intervallo Donadoni è stato costretto a sostituire l'infortunato Mendes per Santacroce. Allegri invece camminava nervoso all'interno dell'area tecnica, non contento della prestazione dei suoi ragazzi, irriconoscibili rispetto alle ultime uscite. In tribuna pure Agnelli, Nedved e Marotta non erano soddisfatti, sbuffavano. Nella ripresa in avvio il Parma è partito meglio, ha provato a fare qualcosa di più. La Juve non riusciva a cambiare marcia, a fare quello che avevano programmato. Allegri stufo ha tolto un irriconoscibile Vidal (ormai un caso), inserendo Pogba, la mossa per dare una scossa, per alzare il tasso tecnico. Dentro anche Morata, evidente la volontà di vincere. Una bava di rissa, ad epilogo ancora bollente, non ha rovinato la correttezza della sfida. Traversa di Marchisio. Il gol era nell'aria e Morata appena entrato quasi allo scadere ha beffato Mirante, una brutto colpo per il Parma che aveva sognato e sfiorato l'impresa. Troppa grazia per una Juve troppo brutta per essere vera. Alla fine decidono le giocate dei campioni, Morata fa parte di quella categoria, anche se il meglio deve ancora farlo vedere. Per ora basta ed avanza così.

  • Alessandro Fiesoli IL CALCIO italiano vive e sopravvive grazie ai diritti tv. Una torta molto ricca, intorno al miliardo di euro all'anno, spartita fra i club di serie A. E che potrebbe finire sotto il controllo cinese. Il nostro campionato, senza stadi di proprietà, con incassi ridotti rispetto agli altri paesi per quanto riguarda spettatori, marketing, indotto vario, è sempre più dipendete dalle televisioni. UNA CASSAFORTE gestita da Infront, la società che dal 2008 è l'advisor della Lega. E non solo il campionato: da ottobre, Infront gestisce anche i diritti della nazionale, in base a un accordo con la Figc che garantisce alle casse federali un minimo garantito di 57 milioni per il quadriennio 2015-18. Infront Italy, ex Media Partners, presidente Marco Bogarelli, una sede di tremila metri quadri nella periferia Est di Milano con 160 dipendenti, è la costola italiana di Infront, la società che vende i diritti tv delle manifestazioni che organizza la Fifa e che è presieduta da un nipote illustre: Philippe Blatter. IN NOME dello zio, il colonnello Sepp, gran capo del calcio mondiale. Quando si dice le coincidenze. I buoni rapporti sono tutto, nel calcio. Prendiamo il sistema italiano. La società Infront, oltre ai diritti tv per conto della Lega, gestisce anche la parte commerciale e di marketing di dieci club: Milan e Lazio in testa, seguite da Atalanta, Chievo, Genoa, Palermo, Sampdoria, Udinese, Verona, la Roma per la parte legata ai media e il Bari in serie B. Bene, quando si è trattato di votare in Lega e in Figc, l'asse Galliani-Lotito ha sostenuto Beretta e Lotito, con lo schieramento compatto dei club in orbita Infront. Ha le chiavi del calcio italiano, la Infront, ed è un colosso mondiale, con 25 uffici fra Europa ed Asia. Proprio dalla Cina arriva l'ultima scossa, secondo un'anticipazione del «Corriere della Sera»: il gruppo cinese Dalian Wanda (un impero nelle sale cinematografiche) è interessato all'acquisto di Infront. A capo del gruppo c'è un signore che si chiama Wang Jianlin, entrato da pochi giorni anche nella proprietà dell'Atletico Madrid, nonchè secondo uomo più ricco della Cina con un patrimonio personale di 16,2 miliardi di dollari. Tutto cambia, ma se il nostro calcio riuscisse a camminare un po' di più, come in passato, con le proprie gambe, forse sarebbe meglio.

  • Giulio Mola Milano MACCHÈ pace. Macchè alleanza. Al massimo una tregua. E pure armata. Finita anche quella, in Casa Milan è l'ora del regolamento dei conti. Quattordici mesi passati con il fuoco che covava sotto la cenere, in tranquillità solo apparente dopo la temporanea conferma delle delega sull'area sportiva a Adriano Galliani. In realtà Lady B. ha continuato a tessere la trama del nuovo organigramma, immaginando il suo Milan, quello senza il brianzolo «fedelissimo» di papà Silvio. Altro che idillio, la guerra è continuata. Con ogni mezzo, coinvolgendo i «media» (qualcuno avrà pur dettato quei comunicati all'Ansa lamentandosi del mercato...) e i tifosi. E Barbara, 30 anni, sapeva che prima o poi i fatti le avrebbero dato ragione. Grazie ad un alleato che né Galliani, 70 anni, né il padre, 78 anni, hanno: il tempo. Ecco perché mentre il Milan (squadra) crolla a pezzi, l'altro Milan (società) si spacca in due anime. Con il popolo rossonero che sembra aver scelto, schierandosi col nuovo che avanza (Barbara) e condannando la vecchia dirigenza che ha collezionato in quasi 6 lustri trofei in bacheca (Galliani). Dire ora se dalle ceneri di questo totale disastro possa rinascere una società profondamente rinnovata e al passo dei tempi, è presto. Certo, l'attivissima figlia del Capo si sta impegnando, sta viaggiando, ha allacciato importanti relazioni internazionali. Ma sostituire Galliani non è mica semplice, prova ne è che, nonostante i comunicati e i cori ostili della curva, il buon Adriano continua a ricevere telefonate di solidarietà non solo dall'amico di tante battaglie (e suo datore di lavoro) Silvio, ma anche dalla primogenita di quest'ultimo, Marina, con cui in passato c'erano stati screzi per la gestione economica del club. Chissà, magari il dualismo fra la sorellastra Barbara e lo stesso Galliani ha invogliato la presidente di Fininvest e Mondadori a prendere una posizione che Lady B. non gradirà, ma anche questo è un segnale della profonda divisione nella Famiglia Milan, che è pure la famiglia Berlusconi. I soliti beneinformati sono sicuri che per Galliani si prospetti un futuro in Fininvest, di sicuro per ora nel Milan delle due anime è lui il capro espiatorio individuato dai tifosi. Più facile, del resto, salvare il soldato Pippo e mettere sulla graticola il generale Adriano. L'importante è che nessuno venga più a dirci che il Milan è ancora una delle squadre più forti al mondo. Serve un progetto e bisogna decidere subito il futuro. Non è più tempo di prendere in giro la gente.

  • Notizia sparse per il mondo e apparentemente senza un vero collegamento. Anche se tutto nel mondo è collegato, no? IN BRASILE, Fabiana Claudino, un punto fermo della nazionale, si è trovata a dover affrontare nella sua città un brutto episodio razzista, che ha raccontato su facebook: un tifoso del Minas, durante la partita contro il […]

Notizie Macerata

MySyndicaat Feedbot: monrifnet_-all-global